Sostieni il Progetto "La Città al Governo" con il tuo contributo. Scrivici a lacittalgoverno@gmail.com --- Informative: informativa cookies - Trattamento dei dati personali
LA CITTÀ AL GOVERNO È E SARÀ

LA CITTÀ AL GOVERNO È E SARÀ

Da anni ormai siamo attivi a focalizzare le esigenze del paese e ad operare con impegno, partecipazione, lavoro concreto e trasparenza, esclusivamente per individuare soluzioni ai problemi della città, nonostante una posizione di minoranza e senza mai fare opposizione ottusa, come ogni lista civica dovrebbe fare.

La politica cittadina è però ancora un po’ vecchia poiché, purtroppo, finché siamo minoranza i nostri contributi rimangono solo sulla carta o nelle parole di complimento o di buona intenzione senza che nei fatti, le energie propositive nostre e anche di tutte le altre forze politiche presenti in Consiglio Comunale vengano mai utilizzate.

Riportiamo in sintesi le nostre proposte inascoltate nell’ultimo periodo:

  • Abbiamo chiesto in ogni sede e sin dall’inizio della pandemia, l’attivazione sul sito web istituzionale di una pagina dedicata all’emergenza COVID, dove raccogliere tutte le comunicazioni rilevanti. Ad esempio notizie sulla riapertura dei parchi pubblici, sulla raccolta degli sfalci, sui contributi statali o regionali ai quali i cittadini potessero accedere. Notizie che a volte, è vero, sono apparse in comunicati dell’Amministrazione, ma non averle raccolte in una pagina dedicata ha reso e rende ancora difficile reperirle.
  • Abbiamo presentato una mozione sull’occupazione di spazi e aree pubbliche, protocollata il 28 maggio, che non è stata discussa nella seduta di Consiglio Comunale del 4 giugno; ci chiediamo se per un’errata valutazione del regolamento o per scelta strumentale. La mozione avrebbe consentito di concedere gratuitamente un ulteriore utilizzo delle aree esterne alle attività commerciali e di affidare ai gestori dei chioschi l’apertura e la chiusura dei parchi pubblici a fronte di agevolazioni. Quando la mozione sarà portata in discussione, se accadrà, forse sarà troppo tardi.
  • Abbiamo chiesto di valutare, affrontare e decidere insieme a tutte le forze politiche sulle scelte da operare nella fase due dell’emergenza epidemiologica. Gli incontri, a parole garantiti, sono stati convocati con estremo ritardo rispetto alle necessità, sono stati scarsamente partecipati e svuotati di fatto del potenziale decisionale. Spesso le riunioni sono state indette dopo decisioni già prese e deliberate dalla Giunta Comunale (vedi la delibera sugli impianti sportivi, la delibera sui centri estivi, la delibera sull’occupazione di suolo pubblico, sulle attività sociali e culturali, sul sostegno alimentare e sui tributi).

Siamo consapevoli che la maggioranza deve agire alcune volte in tempi stretti e non compatibili con un processo partecipativo, che certamente richiede tempi ed energie significative, ma almeno sui temi strategici di lungo termine questo processo andrebbe attivato. Solo così si riuscirebbero a prendere le scelte migliori e a far sentire tutti parte di una comunità. Attivare la partecipazione vera è solo una questione di volontà.

La Città al Governo ha continuato ad essere propositiva anche sui grandi temi: la pianificazione urbanistica, la raccolta dei rifiuti, la trasparenza e sulla legalità.

A che punto siamo:

  • La pianificazione urbanistica.

Ricordiamo che abbiamo presentato una mozione a marzo 2019, approvata all’unanimità dal Consiglio Comunale come le precedenti, che sanciva i principi guida della pianificazione quali: la riduzione del consumo di suolo, la riqualificazione dell’esistente, il recupero degli edifici inutilizzati, il potenziamento dei servizi e delle infrastrutture e la messa in sicurezza del territorio.

A luglio 2019 abbiamo organizzato un dibattito pubblico su questi temi e la nostra spinta ha contribuito all’importante traguardo apparentemente raggiunto dalla delibera approvata a fine anno, che dava il concreto avvio al nuovo PRG.

Nonostante un percorso definito e approvato, con precisi obiettivi, siamo fermi al palo da 7 mesi, e non certo per colpa del Covid!

  • La Raccolta dei rifiuti.

Ricordiamo che nel mese di Giugno 2019 abbiamo presentato una proposta di linee guida incentrate sulla “Strategia Rifiuti Zero”, per la stesura del bando di gestione dei rifiuti.

La proposta è stata integralmente, anche se “pedestremente” accolta, senza l’attivazione di un confronto e senza l’articolazione adeguata e coerente nell’intera documentazione di appalto (relazioni tecniche, capitolati, specifiche, prezzari, ecc.).

  • Legalità.

Ricordiamo che è stata accolta da tutto il Consiglio Comunale la nostra proposta di adesione ad Avviso Pubblico, associazione nazionale di oltre 400 enti territoriali, impegnata nella formazione civile contro le mafie e la corruzione. Nei fatti concreti il progetto è fermo al palo.

 

Sempre vivi dunque ed in ottimo stato di salute.